GARANZIA SODDISFATTI O RIMBORSATI

  • Consegna istantanea   Pagamenti SSL 100%    Assistenza Gratuita   lalicenza Trustpilot    lalicenza Trovaprezzi
visual composer plugin page builder wordpress

Visual Composer: analisi del page builder WordPress

in Articoli on 30 Novembre 2022by CopyWriter

Visual Composer è un plugin WordPress che appartiene alla famiglia dei page builder. Con oltre 45 versioni, l’ultima è valida dalla versione 5.5 di WordPress con versione PHP 7.4 o superiore. Disponibile in 7 lingue, italiano incluso, ha una versione free e una a pagamento. La versione Pro ha prezzi variabili dai 49 ai 349 dollari in base al numero di siti in cui si va a usare il plugin.

Visual Composer WordPress, come funziona

Per procedere all’installazione, vai sul tuo sito in WordPress e vai alla sezione Plugin. Scegli quindi Aggiungi Nuovo e scrivi nella casella di ricerca a destra Visual Composer. Una volta trovato direttamente sotto, clicca sul bottone Installa che si trasformerà in seguito in un pulsante Attiva, da cliccare di nuovo per completare la procedura. Visual Composer in WordPress funziona anche per Woocommerce.

Cosa si può fare con Visual Composer

Il plugin è un page builder drag & drop. In generale, le funzioni si possono distinguere in:

  • Elementi di contenuto. Tabelle, slides, testimonial, insomma l’evoluzione diretta di Gutenberg;
  • Temi. Non si tratta solo di soluzioni precostituite. Avrai dei pezzi per il footer o per l’heading come avviene con Elementor. In più, avrai a disposizione delle soluzioni preconfezionate da personalizzare per landing page (pagine di vendita) e Coming soon page (pagine di attesa, quando hai lavori di manutenzione nel sito).

Visual Composer ha anche ultimate add-ons, ovvero delle aggiunte extra da usare solo se il server lo permette. Infatti, il peso potrebbe essere eccessivo. Un esempio di estensione è il Popup Builder, un’agginta da installare a parte che consente di creare un popup per la newsletter o per i social quando l’utente arriva sul tuo sito.

Visual Composer tutorial [VIDEO]

Visual Composer VS WPBakery

Il video che ti proponiamo qui di seguito è stato realizzato da Visual Composer ed evidenzia la differenza principale tra i due plugin page builder di WordPress. Infatti, Visual Composer costruisce da zero la pagina, mentre WP Bakery va a costruire gli elementi interni della pagina. Questa differenza rende i due plugin completamente diversi tra loro, ma c’è un ma. Per poter usare Visual Composer sarà necessaria più esperienza rispetto a WPBakery, perché si dovranno impostare più aspetti della pagina.

Un contro di WPBakery è che, una volta eliminato il plugin, resteranno sul sito diversi shortcode inutilizzati da trovare nelle pagine e da cancellare. Invece, se usi Visual Composer per il tuo sito e poi lo elimini… Rischi di non trovare più nulla. Infine, WPBakery costa meno di Visual Composer e con la nostra licenza anche meno.

Pro

Quali sono i vantaggi di Visual Composer? La possibilità di lavorare in back-end, cioè nelle funzioni interne del sito, senza saperne niente di codice è sempre un ottimo affare. Il plugin è di una stabilità assoluta e consente di gestire anche gli aspetti Mobile. Infatti, potrai personalizzare il tuo sito anche da smartphone senza usare altri plugin, come AMP.

La possibilità di personalizzare davvero qualsiasi aspetto del sito, dai box al colore della pagina, dalle funzioni al form di contatto, rende tutto più semplice, soprattutto se vuoi dare personalità al tuo negozio online. Il plugin si aggiorna a ogni versione di WordPress, quindi non dovresti trovarti nella necessità di doverlo sostituire.

Contro

I contro che incidono di più sono 3 e il prezzo non è tra questi. Infatti, per avere un sito davvero performante e gradevole, potresti anche decidere di investire in plugin all’altezza. Quali sono le criticità?

  • Il peso sul server. La gran parte dei page builder incide sullo spazio disponibile per il sito sul server per via del gran numero di funzioni. Infatti, questo è uno di quei plugin che può facilmente sostituirne 3 o 4 se usato bene. Il problema è che anche la versione a pagamento ha il suo peso in termini di MB.
  • Le funzioni avanzate non sono facili da usare. Installare, configurare e gestire ogni aspetto di Visual Composer non è affatto uno scherzo. Per poter intervenire, dovresti più o meno sapere dove stai lavorando e cosa stai facendo. Infatti, tornare indietro non sarà facilissimo. Il plugin permette di lavorare anche su back-end, ma si dovrebbe almeno sapere cos’è il back-end prima di poter intervenire. Potresti aver bisogno di un certo tempo su un sito di test per capire come funziona.
  • L’incompatibilità con alcuni temi. Anche se Visual Composer ha piena compatibilità con i plugin più usati (anche con TranslatePress per la lingua per esempio), non è detto che la stessa compatibilità sia possibile con la gran parte dei temi WordPress. Infatti, alcuni sviluppatori hanno scelto di inserire un page builder personalizzato, oppure di usare Elementor o WPBakery o Beaver, più semplici da usare per l’utente medio. La soluzione diventa quindi scegliere uno dei temi presenti e installati con il plugin, in modo da non perdere tempo e personalizzare il tutto come vuoi.

Categorie: Articoli

Condividi le tue preziose opinioni

Cart (0)

  • Il tuo carrello è vuoto.
Contattaci
Compila il form

    Questo sito è protetto con reCAPTCHA e si applicano la Privacy Policy e i Termini del servizio di Google.
    WhatsApp Messenger